MONITORARE ACCURATAMENTE UN SITO WEB AZIENDALE


Giovanna Malfiori
Gianluca Vecchi

Giovanna Malfiori e Gianluca Vecchi: monitorare accuratamente un sito web aziendale

Desiderate maggiori informazioni o richiedere preventivi?

CONTATTATECI!

Avere tanti visitatori sul proprio sito web aziendale è l’unica cosa che conta?

Spesso le aziende si accontentano di controllare il numero dei visitatori dei loro siti web, pensando che valga una specie di legge statistica per la quale più utenti si hanno, maggiori sono le probabilità che qualcuno di loro diventi un cliente. Seguendo lo stesso ragionamento, quando tali aziende rilevano che i loro siti hanno scarso successo in termini commerciali esse credono che la causa sia solo il basso numero di visitatori. Così ritengono che la soluzione adeguata sia semplicemente quella di cercare di aumentarne il numero.

Ma questa è una conclusione parzialmente errata. Per dimostrarlo basta fare un semplicissimo esempio concettuale:

1 – Supponiamo che il vostro obiettivo sia vendere 100 pezzi al mese di un certo prodotto presentato sul vostro sito.

 

2 – Alla fine di un dato mese avete venduto solo 50 pezzi.

 

3 – Allora controllate i dati web per vedere quante visite ha avuto il vostro sito quel mese: supponiamo che siano 500.

 

4 – Se vi basate unicamente sul nudo dato numerico e sulla statistica, allora potreste pensare che se con qualche strategia riusciste a raddoppiare le visite allora potreste vendere i 100 pezzi previsti.

Tutto giusto? Non proprio. In linea teorica è possibile che raddoppiando le visite raddoppino anche le vendite. Ma se usate la logica vi renderete conto che al vostro sito aziendale non servono 1’000 (o più) utenti a caso per sperare statisticamente di vendere i 100 pezzi previsti, ma bastano 100 utenti davvero interessati che acquistino tutti il prodotto. Infatti la mancata vendita dei 50 pezzi rimasti può essere dovuta a diverse cause:

  • Non state facendo attività di web marketing.
  • La vostra pubblicità non raggiunge il giusto target di utenti.
  • Gli utenti giusti non arrivano al vostro sito.
  • Alcuni utenti non sono interessati perché arrivano al vostro sito per sbaglio.
  • Alcuni utenti non trovano quello che cercano sul vostro sito.
  • Alcuni utenti non sono convinti dalla presentazione del vostro prodotto.
  • Alcuni utenti non riescono a effettuare l’acquisto sul vostro sito.

In altre parole non è utile sapere solamente quanti utenti ha il vostro sito web aziendale {⇒ quantità}, ma è utile soprattutto sapere che tipo di utenti sono e cosa fanno {⇒ qualità}. Per il vostro sito e la vostra azienda l’utente di qualità è quello che ha maggior interesse nei vostri prodotti e ha le maggiori probabilità di effettuare un acquisto.

A cosa serve e in cosa può essere utile l’analisi dei dati web?

La web analytics non è una soluzione miracolosa per aumentare le vendite ma è una risorsa indispensabile per ideare una strategia di marketing efficace. Se non conoscete chi visita il vostro sito web sarà molto difficile che voi riusciate a interpretare i suoi bisogni, né sarete capaci di fargli offerte adeguate: al massimo potrete sperare di intercettare alla cieca qualche cliente in mezzo alla folla degli utenti.

Un altro aspetto importante della web analytics è che permette di accorgersi dei difetti di usabilità del vostro sito. Infatti se un potenziale cliente entra nel vostro sito per cercare notizie su un certo prodotto o per comprarlo, ma non riesce a trovare le informazioni perché sono nascoste oppure non riesce a fare l’acquisto perché le procedure sono difficili o poco chiare, voi avrete perso quel potenziale cliente e il vostro guadagno.

Riassumendone gli aspetti principali, la web analytics può servire per sapere:

  • Quanti utenti ha il vostro sito in un dato intervallo di tempo.
  • Quanti utenti ritornano a visitare il vostro sito.
  • Quanti utenti escono dal vostro sito alla prima pagina d’ingresso.
  • Da che luogo geografico accedono gli utenti.
  • Quali pagine vengono visitate.
  • Da che pagina entrano gli utenti e da quale escono.
  • Che percorso di pagine seguono gli utenti all’interno del vostro sito.
  • Quanto durano le visite.
  • Da dove provengono i link al vostro sito.
  • Da che canali web provengono gli utenti.

Come potete constatare, i dati a vostra disposizione sono tanti e vi possono fornire molteplici informazioni utili: nelle attività di marketing la web analytics non può essere ignorata. Però è indispensabile che l’analisi sia la più accurata possibile, e deve essere effettuata da professionisti che sappiano interpretare i dati nel modo giusto.

Vai / torna alla pagina: Analisi dati di traffico web (web analytics)